Nuovo Accordo Multilaterale ADR a firma ITALIANA!

L’Italia promuove e firma a Roma un nuovo Accordo multilaterale ADR (M308), ai sensi del capitolo 1.5.1 ADR, in merito alle ispezioni periodiche di bombole d’acciaio per il trasporto di GPL

Di seguito il testo in lingua inglese dell’accordo:

1) This agreement concerns the periodic inspection of refìllable welded steel cylinders far the carriage of Lique.fìed Petrolewn Gas (LPG) of UN 1011, UN 1075, UN 1965, UN 1969 or UN 1978.

2) By derogation from the provisions of 6.2.3.5.1 of ADR, at the lime of periodic inspection, LPG welded steel cylinders fìlled in accordance with EN 1439 or with EN 14794 are exempted from the check of the internai conditions of the pressure receptacle required in 6.2.1.6.1 (b) of ADR.

read more

CLP: Scadenza deroga “prodotti a scaffale”

Il prossimo 1° giugno 2017 scadrà la deroga definita dal Regolamento CLP nell’Articolo 61, paragrafo 4, ovvero: “In deroga al secondo comma dell’articolo 62 del presente regolamento, per le miscele classificate, etichettate e imballate in conformità della direttiva dei preparati pericolosi (Direttiva 1999/45/CEE) e già immesse sul mercato prima del 1° giugno 2015 non vale l’obbligo di essere rietichettate e reimballate in conformità del regolamento CLP fino al 1° giugno 2017”.

read more

Il trasporto ADR di rifiuti di amianto

L’amianto è un minerale naturale a base di silicati, appartenente alle serie mineralogiche del serpentino e degli anfiboli: crisotilo (o amianto bianco), amosite (o amianto bruno), crocidolite (o amianto blu), tremolite, antofillite e actinolite.

La produzione e la lavorazione dell’amianto è fuori legge in Italia dal 1992, e per valutare l’assenza di amianto nei pannelli è necessario eseguire analisi chimiche dedicate.

Il Regolamento CLP colloca l’amianto al numero EINECS 650-013-00-6, che comprende tutte le forme di asbesto presenti, classificandole come cancerogene di categoria 1 A con codici di identificazione di pericolo H350 (può provocare il cancro) e H372 (provoca danni agli organi per esposizione prolungata o ripetuta).

read more